Per nulla inappetente, tra morsi e forchettate continuo il mio tour nella scena culinaria milanese, dove non c’è carenza di nessun genere. Ecco alcuni luoghi in cui ghermire, a mio parere, degne pietanze.

Non è una classifica, non sono recensioni, sono le mie personali opinioni dopo esperienze in luoghi dove sicuramente tornerei.

 

Dinette

Via Fratelli Bronzetti, 11

Ho provato il pranzo della domenica da Dinette a Milano, locale semplice e informale con cucina “di ringhiera”, molto casereccia, dove la particolarità sono le mezze porzioni, ottimo per provare diverse portate senza esagerare! Antipasti misti della casa, buona la torta salata con zucchine e cipollotto, crumble di pane alla maggiorana.
Ottima la cacio e pepe, così come le tagliatelle al ragù e per chiudere un ottimo tiramisù, cremoso, leggero, di quelli da ricordare!

Tagliatelle al ragù

 

Trita – Tailor made burgers

Piazza Ventiquattro Maggio, 6

Ottimi panini e ingredienti di qualità da Trita – tailor made burgers. Si customizza il tutto, ad iniziare dal pane, carne, topping vari, salse. Anche le chips speziate molto buone. Io ho creato il mio burger con pane al sesamo, bufalo campano 200 gr, lattuga, pomodoro, zucchine, pomodori secchi, scaglie di grana al balsamico

Trita burger

 

Cumino Bistrot

17, Via Cicco Simonetta

Ho avuto il piacere di provare Cumino Bistrot, ristorante con un’ambientazione che sa di casa, dal design vintage e che mette a proprio agio. I piatti che ho assaggiato sono un crescendo di sapori pazzeschi, con la cucina in mano ad un giovane chef che mette idee e innovazione utilizzando materie prime di qualità eccelsa.
Ho assaporato alcuni pezzi forti del nuovo menù stagionale tra cui una tartare di Ricciola del Mediterraneo, coulis di peperoni gialli e rossi affumicati, petali di sesamo, davvero eccezionale
Spaghettoni trafilati al bronzo “Benedetto Cavalieri” con emulsione di datterini arrostiti, capperi di Pantelleria disidratati, clorofilla di basilico e gel di bergamotto, una vera chicca!

Osteria Zelata

Piazza della Chiesa, 13 Bereguardo PV

Sono stato ospite di questa osteria fuori Milano, nel parco del Ticino, dove si respira il clima di una tipica osteria ma in un ambiente curato ed elegante. Assaggio una cucina tradizionale ma un po’ rivisitata e che segue la stagionalità delle materie prime. Una parmigiana con colatura di alici strepitosa, degna di nota la trota in saor con cipolla  pinoli e uvetta  così come la tartare di asino con crema di carote e zenzero e cipolla di Breme. Un servizio cortese e attento fanno della Zelata un ristorante dove senza dubbio si ha voglia di ritornare.

Parmigiana

Tartare di asino

 

Visca

Viale Bligny, 60

Una fresca realtà tutta siciliana che ho scoperto casualmente in Porta Romana, un ristorantino che è anche boutique con prodotti tipici e con pochi tavoli e sgabelli, comunque molto accogliente. E’ una vera immersione in Sicilia, quando entrano in scena i piatti si completa il tutto! Io ho assaggiato una gustosissima caponata, verdure belle croccanti, piacevolmente agrodolce e fresca. Per proseguire con le penne alla Norma, davvero importanti come gusto e quantità. Infine un classico cannolo, invero delicato e buono, con una ricotta non troppo dolce e freschissima. I due gestori sono davvero simpatici e dinamici, offrono un servizio preciso e ti fanno sentire a casa. Un nuovo nome Visca che porta la Sicilia a Milano, spero si possa affermare pienamente, ma in questo modo sarà semplice!

 

 

E voi avete già provato alcuni di questi ristoranti o ce n’è uno in particolare che vi incuriosisce? Fatemelo sapere commentando sotto l’articolo oppure condividendo le vostre foto sui social, utilizzando l’hastag #habemusfame!