Le mie scorribande lungo il territorio italico mi hanno spesso portato a calpestare la terra pugliese. Una tra le mie regioni preferite, a livello paesaggistico è sempre stato amore indiscusso, panoramicamente illuminante! Se parliamo poi della cucina, qui ci sarebbe da scrivere un libro, forse anche due. Una grande storia culinaria fatta di infinite specialità e ricette, dove in primis c’è il valore e l’importanza della materia prima che il suo vasto territorio ha da offrire. Io mi ci trasferirei seduta stante! Dal Gargano al Salento, passando per la Val d’Itria, ho esplorato a più riprese il “Tacco d’Italia” e sono state molteplici le soddisfazioni, a tavola e non solo.

Provincia di Bari

Impensabile non fare un giro a Bari, dove una passeggiata nel suggestivo lungomare è d’obbligo, con i caratteristici e famosi lampioni. Assolutamente da fare una sosta di ristoratrice nella zona portuale di Bari, al molo San Nicola, un luogo chiamato “N’dèrr’a la lanze”, che è la patria dei pescatori locali, con le barchette ormeggiate e il pescato del giorno in vendita sulle bancarelle. Frequentato e amato dai baresi alla ricerca di pesce fresco e soprattutto per gustare i ricci di mare, accompagnati dalla birra ghiacciata in bottiglia. Un rituale che non si può davvero non rispettare passando da queste parti. Io sono stato accompagnato e devo dire che ho apprezzato assai, non poteva essere altrimenti!

Non può mancare nemmeno un giro nel quartiere storico di Bari Vecchia, in un dedalo di vicoli che sfociano in piazzette con negozi, bar e ristoranti, palazzi caratteristici e chiese antiche. Nelle viuzze non è raro incontrare anziane signore che preparano le orecchiette a mano davanti alle proprie case e i profumi che si sentono nell’aria sono da acquolina immediata. Per questo un posto da non perdersi per un boccone è senza dubbio il Panificio Fiore. Indiscutibilmente la focaccia barese tra le più buone che abbia assaggiato. In pieno centro nel borgo, in questo panificio vi è una produzione storica di questa specialità, che sfornano senza sosta alcuna. Una focaccia fragrante, morbida, non secca e croccante sui bordi. Inoltre è tutto fuorché pesante come un incudine, è uno spettacolo addentarla, bontà assoluta!