Nel pieno della intensa e ardente estate 2017, nel mio peregrinare durante straDegusto, giungo anche in Puglia e in una giornata Gallipolina nel centro storico, la mia attenzione viene attirata dall’interessante movimento di panini di mare gourmet e fritture varie nei pressi di un locale, il cui nome è Scafùd. Con un guizzo mi avvicino e mi addentro ed in effetti cresce subito la voglia di scafuddhare, ossia sfondarsi di cibo! L’ambiente ha arredi semplici e non è molto vasto, un bancone e sgabelli, qualche tavolo, colori chiari e richiami al mare e lavagna gigante con le pietanze scritte: tartare, carpacci, crudi, fritture, insalate… cos’è, non vi basta!? Ci sono anche i panini!

Mi intrigano le pittule con il pesce misto che ordino insieme ad un panino con il polpo alla piastra, patè di olive celline, stracciatella e rucola. Si materializzano circa una ventina di pittule, non troppo unte e vanno via come patatine, morbide e davvero ben fatte. Mi piacciono un sacco, forse sono un po’ troppe ma non ci bado sul momento.

Riempito lo stomaco e il tempo di attesa, arriva il panino che devo dire si presenta bene: un bel pane casereccio tagliato in due e con il polpo, per il quale ho un debole, che mi fuoriesce qua e là con i tentacoli. Al morso è cotto anche a dovere, il pane è fragrante e compatto, la stracciatella fa il suo ottimo lavoro cremoso, che avvolge e lega bene il tutto evitando che il panino risulti secco. Anche il patè di olive si fa apprezzare, mi infastidisce un pochino la rucola che con il suo noto gusto amarognolo spinge un pelino. Ma nel complesso non fa grossi danni, questo è un signor panino.

Me ne vado dunque discretamente sazio, a perdermi tra le vivaci e caratteristiche viuzze di Gallipoli, dove comunque c’è sempre qualcuno che scafuddha a tutto spiano. Se vi trovaste in questo contesto, sapete dove indirizzarvi!

Scafùd

Via Antonietta de Pace, 65, 73014 Gallipoli LE